Il sindacato protesta per gli accorpamenti dei tribunali PDF Stampa
Geografia giudiziaria, mobilitazione di Cgil, Cisl Uil: inascoltato nostro allarme.

19.9.13.
Cgil, Cisl e Uil protestano per gli accorpamenti dei tribunali. "Caos accorpamenti anche nei tribunali della Lombardia, con chiusure già effettuate o che avverranno a breve, dai tribunali di Crema e di Breno a quelli di Vigevano e Voghera. Nonostante Fp-Cgil, Fp-Cisl e Uil-Pa della Lombardia, insieme alle nostre organizzazioni nazionali, sul riordino della geografia giudiziaria, abbiano evidenziato per tempo le criticità del riordino degli uffici, il precedente e l'attuale Governo si sono mostrati sordi al più comune buonsenso - affermano e sindacati -  Ora si assiste al caos negli uffici giudiziari, un caos annunciato ed evitabile. Chiediamo con forza la riorganizzazione complessiva del sistema giudiziario a partire da digitalizzazione, riordino delle funzioni e degli uffici, programmi per il controllo di gestione, centralità del servizio, organici e valorizzazione delle professionalità interne.  È evidente - continuano - che non potremo arrenderci all'arretramento dello Stato e del sistema giustizia dal territorio e che la nostra mobilitazione sarà sempre più forte, incrociandola con le tante mobilitazioni in atto sui territori a difesa dei presidi di legalità. Dall'incertezza sulle sorti del personale, passando per il mancato rispetto delle norme e per il caos logistico e organizzativo venutosi a creare, è oggi evidente che il nostro non era un allarme immotivato e dovuto a logiche corporative. I responsabili e le responsabilità di questo sicuro fallimento sono noti: l’incapacità dei vertici amministrativi nell'attuare la riforma, la sordità della ex ministra Severino e dell'attuale responsabile della Giustizia, Anna Maria Cancellieri, l'indifferenza e l'incapacità di ascolto sono la causa principale di un grave colpo allo stato di diritto. Per questo, se davvero il ministro, come ha annunciato, vuole monitorare disagi e disservizi, riprenda e rafforzi un costruttivo rapporto con le organizzazioni sindacali e metta mano a una riforma che, così com’è, non farà che provocare danni non solo ai lavoratori ma soprattutto a cittadini e imprese. In linea con la mobilitazione nazionale, venerdì 20 settembre, dalle ore 11, si terranno a Milano un’assemblea con conferenza stampa all’aula 1^ Civile della Corte d’appello (3°piano di via Freguglia 1), a Brescia un presidio con conferenza stampa davanti al Tribunale (via Lattanzio Gambara 40)".

 
 
< Prec. Indice archivio Pros. >